RFI VIETA L’ACCESSO A 3 TUNNEL PER LA SPIAGGIA!

Pubblicato il 31 Maggio 2008 1Commento »
il divieto di RFI via Flaminia villanova il divieto di RFI via aspromonte


COMUNICATO STAMPA 31 Maggio 2008

RFI spa vieta il passaggio in tre tunnel per l’accesso in spiaggia:

i Comitati chiedono l’intervento del Comune a tutela di un diritto acquisito “da tempo immemorabile”!

Ha destato stupore il divieto di accesso affisso da RFI spa in tre tunnel di Falconara che bypassano l’infrastruttura ferroviaria e consentono ai cittadini l’accesso alla spiaggia.

Stupore ma anche apprensione poiché RFI spa minaccia sanzioni amministrative (da 258 e 1.549 Euro!) per chi sarà sorpreso ad usare i sottopassi!

I tre tunnel che RFI indica come opere idrauliche di sua pertinenza sono quelli di via Aspromonte e di via Mameli/via Flaminia.

La cosa che i cittadini falconaresi non comprendono è quali motivi di sicurezza siano sorti all’improvviso dopo decenni di uso pubblico dei suddetti tunnel/ opere idrauliche che, è bene ricordarlo, esistono e sono usati pubblicamente “da tempo immemorabile”, cioè da quando è stata realizzata la linea ferroviaria adriatica a fine ‘800!

I portavoce dei Comitati - Loris Calcina ed Elisa Griffoni - sottolineano che “l’uso pubblico da tempo immemorabile delle opere idrauliche/tunnel ha determinato la realizzazione anche di opere migliorative e manutentive degli stessi (pavimentazione, illuminazione, scivoli per carrozzine, scale, verniciatura stagionale, apposizione di segnaletica per i pedoni) eseguite dalle Amministrazioni comunali avvicendatesi nel corso degli anni e, riteniamo, con il benestare e/o l’accordo dell’Ente Ferrovie”.

Per questi motivi i Comitati Villanova e “25 Agosto” hanno inoltrato una nota al Sindaco e all’Assessore ai Lavori Pubblici di Falconara per sollecitarli ad “intraprendere nei confronti di RFI S.p.A. le iniziative che ritengono più idonee per far valere eventuali diritti reali acquisiti nel corso dei decenni rispetto alla situazione rappresentata e per tutelare il libero accesso alla spiaggia dei cittadini”.

Infine, qualora ai cittadini venisse elevata la specifica sanzione amministrativa da parte di RFI spa, i portavoce dei Comitati invitano i falconaresi a rivolgersi alle associazioni stesse le quali metteranno a disposizione gratuitamente il proprio servizio legale.

Il testo della nota inviata all’Amministrazione comunale di Falconara Marittima.

Incidente n°18 alla Raffineria API

Pubblicato il 29 Maggio 2008 Nessun Commento »

Alle 11 circa di questa mattina si è verificato un corto circuito nel trasformatore di una centralina elettrica della raffineria API di Falconara Marittima.

L’incidente classificato di categoria 1 ha allarmato i cittadini che si sono accorti di una densa nube nera provenire dal complesso API.

Sono intervenuti anche i Vigili del Fuoco di Ancona allertati dalla stessa azienda API. Dell’evento è stato avvertito anche l’Ufficio Ambiente del Comune di Falconara Marittima.

Questo incidente di categoria 1 è il n° 18 nella serie di eventi occorsi in raffineria dal rinnovo della concessione alla raffinazione decretata dalla Regione Marche a Giugno 2003.

QUI trovi la lunga serie di incidenti avvenuti in raffineria…

Carta dei diritti del territorio

Pubblicato il 23 Maggio 2008 Nessun Commento »

Inoltriamo l’invito per la presentazione della Carta dei diritti del territorio,
a Falconara, presso il Centro Pergoli di piazza Mazzini, Venerdì 23 maggio.

presentazione carta diritti del territorio

(Clicca sull’immagine per ingrandirla)

Dr. Jeckyl e Mr. Aldo (Brachetti Peretti)

Pubblicato il 19 Maggio 2008 Nessun Commento »

Dr Jeckyll e Mr HydeSe abitassimo a Tolentino e Pollenza manifesteremmo entusiasmo e saremmo grati ad Aldo Brachetti Peretti che si accinge a realizzare una centrale fotovoltaica da 10 Megawatt che fornirà energia elettrica alle sue cantine vinicole e a 15.000 famiglie!
Ma noi viviamo a Falconara Marittima e, per come ci vuol trattare Mr. Aldo ed i suoi Figli, è verosimile ritenere che convivano differenti pulsioni energetiche nel petroliere dell’API.

“Parafrasando”, ci è venuto in mente di parodiare la dualità delle scelte energetiche di Aldo Brachetti Peretti con il romanzo di Robert Louis Stevenson del 1886, The Strange Case of Dr. Jekyll and Mr. Hyde. In particolar modo per gli effetti sui territori e le popolazioni interessate!

A Tolentino e Pollenza le sue scelte lo mostrano come un gentiluomo benefattore (quantomeno di quell’ambiente) mentre a Falconara ce lo dipingono con le sembianze di un industriale primitivo… poichè primitivo è, ormai, il modello di produzione di energia elettrica che qui pretende realizzare!

articolo Corriere della SeraLà, a Pollenza e Tolentino, come giustamente registra il diligente Federico de Rosa del Corriere della Sera, la centrale fotovoltaica è perfettamente in linea con il Piano Energetico Ambientale Regionale (PEAR). E dunque è giusto che si faccia!

Qua, a Falconara Marittima, le due centrali a metano e gas di raffineria per complessivi 580 Megawatt che Mr. Aldo ed i suoi Figlivogliono costruire sono completamente fuori da ciò che prevede il PEAR. Ma le vogliono fare lo stesso!

Là, a Pollenza e Tolentino, il Dr. Aldo Brachetti Peretti si è fatto lusingare dalle “insistenze delle autorità locali affinché facessimo qualcosa nell’energia” … e ha fatto un bel botto da 50 milioni di € investendo saggiamente sull’energia elettrica da fonte rinnovabile!

Qua, a Falconara Marittima, nonostante che il Comune insieme a quelli di Monte San Vito, Chiaravalle, Camerata Picena, Jesi e Montemarciano e la Provincia di Ancona abbiano manifestato la propria contrarietà, Mr. Aldo ed i suoi Figli vanno avanti per costruire le due inquinanti centrali elettriche a metano e gas di raffineria!

Là, a Pollenza e Tolentino, API Nova Energia progetta e realizza un impianto di produzione di energia elettrica da fonte “veramente NOVA”, cioè rinnovabile ed inesauribile, a zero emissionisenza necessità di alcun calcolo dimostrativo.

Al contrario, qua a Falconara Marittima, API Nova Energia progetta e realizza un impianto di produzione di energia elettrica che utilizza una fonte esauribile, sempre più costosae con emissioni che i tecnici di Mr. Aldo ed i suoi Figlisi sforzano di minimizzare con molti calcoli fisico/chimici che abbiamo ampiamente smentito presso il Ministero dell’Ambiente con la Relazione che Vi invitiamo a consultare!

Per quel tipo di impianto non sono possibili le propagandate emissioni zero semplicemente perché è la combustione di fonti fossili (metano e gas di raffineria) che determina emissioni ineliminabili!

A tale proposito Vi invitiamo a consultare i lavori dei ricercatori del CNR Nicola Armaroli e Claudio Po, che pubblichiamo a lato!

Là, a Pollenza e Tolentino, in un territorio ben conservato, curato e salubre si inserisce una tecnologia di produzione elettrica che non altera quel prezioso equilibrio ambientale e, anzi, lo considera come il presupposto!

Al contrario, a Falconara Marittima, il presuppostoè diametralmente inverso: un territorio totalmente ad Alto Rischio di Crisi Ambientale (in gran parte per le produzioni proprio degli impianti API), insalubre a tal punto che la popolazione di tre Comuni è indagata per il rischio leucemie e tumori del sistema emolinfopieticonon può essere ulteriormente gravato da altre produzioni inquinanti…

Perché Mr. Aldo ed i suoi Figlinon investono su un grosso impianto fotovoltaico a Falconara piuttosto che sulle inquinanti centrali a metano e gas di raffineria?

Se esiste una responsabilità sociale delle imprese, come mai Mr. Aldo ed i suoi Figlinon se la assumono per Falconara Marittima?

Links di riferimento per gli approfondimenti:

http://www.comitati-cittadini.net/MD/index.htm

http://www.comitati-cittadini.net/Approfondimenti/Studi.htm

http://www.comitati-cittadini.net/Approfondimenti/Studi/ChimInd.pdf

“Mare Nostrum”, bitume a Mezzavalle

Pubblicato il 5 Maggio 2008 Nessun Commento »

Pubblichiamo la segnalazione che l’amico S.B. ha inviato al nostro sito e al Servizio competente dell’ARPAM.

“Domenica 27 Aprile 2008, alle 15,30 del pomeriggio, sono giunto attraverso il sentiero alla spiaggia di Mezzavalle.

Mi sono diretto a destra in direzione Portonovo per qualche centinaio di metri ed accampato in un tratto intermedio tra la battigia e la base della collina, dove sono presenti sassi di piccole dimensioni ( sul luogo è anche presente un tronco lungo cira un metro).

Dopo aver steso l’asciugamano e tolto le scarpe ho appoggiato il piede sulla ghiaia, centrando in pieno una macchia di bitume (vedi foto allegata).

Solo allora mi sono accorto di tanti piccoli “punti neri” di bitume, del diametro di qualche millimetro, estremamente appiccicosi per via del sole intenso, che erano presenti su tutto il tratto in cui mi trovavo e che si sono stampati anche sul mio asciugamano.

Secondo il mio giudizio tale materiale è giunto in spiaggia non con le ultime mareggiate, ma con quelle dei giorni precedenti.

Nella mattinata successiva ho preso contatti con l’ Arpam per segnalare l’accaduto al competente servizio.”

foto by SB

ByPass: MISTERI ministeriali ed ENIGMI europei

Pubblicato il 2 Maggio 2008 Nessun Commento »

IL MISTERO MINISTERIALE

In conseguenza della nostra ferma denuncia del 7 Marzo 2008 circa le scorrette informazioni che l’AD di RFI - dott. Michele Mario Elia - ha comunicato al Ministro delle Infrastrutture, l’On. Antonio Di Pietro ci ha nuovamente risposto in data 25 marzo 2008 evidenziando che, come Ministro, è “stato messo per la prima volta a conoscenza” della Relazione della Società di consulenza aeroportuale e del controllo del traffico aereo Pindaro srl proprio dalla nostra nota del 7 marzo u.s. (Relazione che evidenzia il serio rischio di interferenza tra il progettato tracciato ferroviario del by pass API e il sistema di controllo strumentale ILS per gli aeromobili in caso di scarsa visibilità).

L’osceno sta nel fatto che tale Relazione era stata già inviata con raccomandata e ricevuta di ritorno in data 8 Giugno 2005 al Presidente Berlusconi e ai suoi Ministri alle Infrastrutture, Ambiente e compagnia cantante (tra cui anche l’On. Mario Baldassarri).

Non solo: il 19 Luglio 2006 la stessa Relazione fu nuovamente inviata al nuovo Ministro delle Infrastrutture (Antonio Di Pietro) oltre che alla Regione Marche, alla Provincia di Ancona ed al Sindaco di Falconara.


CHE FINE HA FATTO QUELLA RELAZIONE INVIATA DAI COMITATI 3 ANNI FA?

UNA RELAZIONE TECNICA IMPORTANTE PER LA SICUREZZA PUO’ SCOMPARIRE NEL NULLA PER UN AVVICENDAMENTO GOVERNATIVO ?

COME MAI LA REGIONE MARCHE NON HA MAI EVIDENZIATO L’ESISTENZA DI QUELLA RELAZIONE NEI NUMEROSI INCONTRI CON IL MINISTRO DI PIETRO ?


L’ENIGMA EUROPEO…DELL’ONOREVOLE LUCIANA SBARBATI

L’altro elemento osceno venuto alla luce nei giorni scorsi ha il cognome e nome di SBARBATI LUCIANA da Chiaravalle, leader dei Repubblicani Europei, eletta al Parlamento dell’Unione Europea nel 1999, membro dell’Ufficio di Presidenza del Gruppo Alleanza dei Democratici e dei Liberali per l’Europa.
L’On. Sbarbati svolge la propria attività parlamentare in più organismi, tra cui la Commissione per le Libertà civili, la Giustizia e gli Affari interni ed alle elezioni politiche 2008 è stata “paracadutata” in Sardegna nelle liste del PD di Veltroni (ha dichiarato di aver accettato la candidatura “per spirito di servizio”).

Nel Settembre 1999 (all’indomani del gravissimo incendio alla raffineria API nel quale perirono due lavoratori, i residenti di due quartieri scapparono alle 5,30 dalle loro case ed un treno passeggeri transitò tra le fiamme) l’On. Luciana Sbarbati presentò

un emendamento che punta a garantire maggiore sicurezza sulla linea ferroviaria adriatica già firmato da tutto il gruppo liberaldemocratici e che mi auguro venga sostenuto da tutti i parlamentari europei di qualsiasi partito. Purtroppo le opere del corridoio adriatico non sono ancora finanziate. Bisogna cercare altre strade se vogliamo operare subito. La strada c’è, almeno per il by pass ferroviario. Vediamo se c’è la volontà di affrontare la questione della sicurezza dell’area API sul serio o se continuerà a prevalere la demagogia

disse l’Onorevole (Corriere Adriatico dell’epoca). Quel by pass non si configurava come quello attualmente progettato ed finanziato dal CIPE ma era costituito da un binario che collegava direttamente Chiaravalle con Marina di Montemarciano, cioè la linea romana con l’adriatica!

I Comitati hanno sempre sostenuto quella eventuale variante ferroviaria progettata da RFI spa (vedi pag. 69 di AERCA Potenziamento ferrovia adriatica) poiché avrebbe rappresentato una soluzione trasportistica adeguata alle esigenze del trasporto merci su rotaia e dell’Interporto di Jesi e, infine, la premessa dell’arretramento dalla costa della linea ferroviaria adriatica… Tanto che la Regione Marche aveva inserito quel progetto nelle Prime linee del Piano di Risanamento dell’Area ad Alto Rischio di Crisi Ambientale.
Poi la Regione Marche (nel 2001) cestinò malamente quelle Linee di risanamento e fece progettare ad RFI spa l’attuale e devastante by pass API.

Ci siamo interessati che fine avesse fatto quell’emendamento dell’On. Luciana Sbarbati!

Ecco la risposta ricevuta dall’Unione Europea:

Faccio seguito alla Sua richiesta di informazioni relativa all’eventuale concessione di un finanziamento comunitario nell’ambito delle Reti Transeuropee di trasporto al Nodo ferroviario di Falconara Marittima.
Mi permetto di attirare la sua attenzione sul fatto che i finanziamenti comunitari relativi alle Reti transeuropee non avvengono via un semplice emendamento al bilancio posto da un eventuale eurodeputato. L’eventuale richiesta di finanziamento del nodo ferroviario di Falconara Marittima avrebbe dovuto essere inserito nel quadro di un bando di gara per i finanziamenti annuali  RTT e presentato o avvallato dallo Stato membro in questione. In tale ambito, non risulta alcun  finanziamento al nodo ferroviario di Falconara Marittima tramite il programma le Reti transeuopee di Trasporto. Sono comunque a sua totale disposizione per ulteriori informazioni o chiarimenti. Non esisti la prego a chiamarmi o ad inviarmi direttamente un messaggio o telefonarmi.
(Paola Momoli, Desk Officer per Italia Slovenia e Malta Unità B2 Coordinazione dei Porgetti prioritari TEN-T Direzione Generale Energia e Trasporti Commissione europea).

COME LA CHIAMATE VOI QUEL TIPO DI AZIONE DELL’ON. LUCIANA SBARBATI?

INCOMPETENZA?
PRESA IN GIRO?
PROPAGANDA?
POLVERONE? E A QUALE SCOPO?

INOLTRE, COME MAI L’ON. SBARBATI  E LA REGIONE MARCHE NON CI HANNO MAI INFORMATO SULLA IRRICEVIBILITA’ DI QUELL’EMENDAMENTO CHE IL PARLAMENTO EUROPEO, A SUO TEMPO, AVRA’ SICURAMENTE MOTIVATO?

NON SAPPIAMO SE ESITE UN NESSO TRA L’AZIONE DELL’ON. SBARBATI E LE SUCCESSIVE DECISIONI PRESE DALLA REGIONE MARCHE RELATIVAMENTE AL BY PASS API.
PERO’ UNA CONSTATAZIONE SALTA IMMEDIATAMENTE AGLI OCCHI:

CON IL PROGETTO ORIGINARIO, QUELLO MAI FINANZIATO DALLA U.E., LA LINEA FERROVIARIA ADRIATICA AVREBBE CONTINUATO A CORRERE TRA GLI IMPIANTI DELL’API E, OLTRE AL GIA’ REALIZZATO BLOCCO AUTOMATICO DEI TRENI IN CASO DI INCIDENTE, AVREBBE COSTRETTO L’API A REALIZZARE UNA BARRIERA DI PROTEZIONE A SUE SPESE COME INDIVIDUATO DAGLI STUDI DI SVILUPPO MARCHE FINANZIATI DALLA REGIONE NEL 2003!

AL CONTRARIO, CON L’ATTUALE PROGETTO DEL BY PASS API FINANZIATO DAL CIPE, L’API NON SPENDE UN cent/€ PER LO SPOSTAMENTO DELLA LINEA FERROVIARIA DA LEI INGLOBATA ED IN PIU’ SI ANNETTE I 3 ETTARI DI TERRENO CHE SI LIBERANO CON LA RIMOZIONE DEI BINARI!


PAGHERA’ PANTALONE, CIOE’ NOI, CON DENARO CONTANTE E
LA DEVASTAZIONE DEL TERRITORIO?

ANCORA NON E’ SCRITTA L’ULTIMA PAROLA…