Bypass ferroviario Falconara M.: in audizione presso la Commissione Trasporti della Camera dei Deputati, i cittadini hanno raccontato alcune delle tante anomalie del progetto di RFI. Il Presidente della Commissione ha dichiarato che saranno chiamati in audizione anche RFI ed ENAC!

Pubblicato il 28 Gennaio 2015 Nessun Commento »

Ieri - 27 gennaio - dalle ore 14 alle ore 14,45 I cittadini falconaresi dell’Ondaverde ONLUS, dei Comitati dei quartieri Fiumesino e Villanova e del meetup5stelle, sono stati ascoltati in audizione dalla Commissione Trasporti della Camera dei Deputati

Alla Commissione presieduta dall’On. Michele Meta e dal Vicepresidente On. Ivan Catalano - a cui le associazioni avevano inviato una dettagliata memoria (vedi ABSTRACT ) - e a cui ha partecipato l’On. Donatella Agostinelli, sono state illustrate le anomalie più stridenti del progetto di RFI che giustificano la richiesta di destinare il denaro pubblico per il bypass ferroviario al raddoppio della linea Orte - Falconara e, nel frattempo, riprogettare il collegamento ferroviario tra la linea romana e adriatica.

Il Presidente ha ritenuto che  - a seguito delle argomentazioni e della documentazione inoltrata - fosse opportuno prevedere un’audizione anche con RFI SpA ed ENAC!

Pertanto la discussione e votazione della Risoluzione presentata dall’On. Dell’Orco che <<impegnava il Governo valutare la possibilità del progetto alternativo di arretramento della linea ferroviaria proposto dalle province di Ancona e di Pesaro anche a valle di un supplemento di istruttoria che preveda una profonda analisi costi>> è stata rinviata.

I cittadini falconaresi hanno argomentato alla Commissione:

il rischio idrogeologico NON ADEGUATAMENTE VALUTATO dell’area in cui è inserito  poiché non aggiornato a seguito delle alluvioni del 2006 e del 2011;

la grave violazione della normativa della Legge Obiettivo da parte di RFI SpA (articoli 3 e 5 del D.Lgs 190/2002) in quanto nel 2003 non trasmise il progetto preliminare ad ENAC ed ENAV, gli unici Enti deputati a valutare le interferenze della nuova linea ferroviaria con l’aeroporto delle Marche;

le informazioni infondate su quell’interferenza che RFI SpA comunicò fino al 2008 al Ministero dell’Ambiente e al Ministero delle Infrastrutture riguardo alle interferenze con l’aeroporto;

la valutazione che solo nel 2009 ENAC - una volta messa nelle condizioni di studiare il progetto - riuscì ad esprimere scrivendo che <<non rappresenta la soluzione progettuale migliore per evitare l’interferenza con l’operatività aeroportuale e le limitazioni alla capacità ed allo sviluppo dell’aeroporto (…)>> poiché la soluzione migliore sarebbe stato l’INTERRAMENTO della linea ferroviaria!

Lo sviluppo del progetto da parte di RFI ed il parere positivo del Sindaco di Falconara in assenza del Piano di Rischio Aeroportuale che il Comune di Falconara M. non aveva mai redatto nonostante le sollecitazioni di ENAC.

La singolare modalità individuata nel 2009 dal Comune di Falconara M per rendere compatibile il progetto del bypass ferroviario con il Piano di Rischio redatto postumo al progetto di RFI: annoverando il progetto di RFI SpA - ancora soltanto su carta - come un’opera critica già esistente in loco e, dunque, eludendo le limitazioni o l’esclusione a cui sarebbe stata soggetta in quanto nuova opera da insediare nel territorio circostante l’aeroporto che può creare pericolo di incendio, esplosione e danno ambientale” con il transito delle ferrocisterne di GPL!

<<Tutto questo>> hanno detto i cittadini in audizione <<poteva e può essere evitato realizzando il collegamento della linea ferroviaria romana con l’adriatica a monte dell’aeroporto di Falconara M. dove il rischio idrogeologico è minimo e non esiste interferenza con l’aeroporto delle Marche!>>.

Staff l’Ondaverde e Comitati dei quartieri Fiumesino e Villanova





Bypass ferroviario Falconara M.: oggi alle 14 i Comitati e l’Ondaverde in audizione alla Commissione Trasporti della Camera dei Deputati!

Pubblicato il 27 Gennaio 2015 Nessun Commento »


Bypass ferroviario Falconara M.: oggi alle 14 i Comitati e l’Ondaverde in audizione alla Commissione Trasporti della Camera dei Deputati !





La Commissione Trasporti della Camera dei Deputati - presieduta dall’On. Michele Meta - ha programmato per le ore 14 di oggi 27 gennaio 2015, l’audizione dei rappresentanti falconaresi de l’Ondaverde ONLUS e dei Comitati dei quartieri Villanova e Fiumesino riguardo alla richiesta di revisione del progetto del collegamento ferroviario tra la linea Orte-Falconara e la linea adriatica. L’audizione - che sarà trasmessa sulla web-tv della Camera dei deputati http://webtv.camera.it/commissioni - segue la petizione consegnata al Presidente della Camera e alla Commissione Trasporti nel 2013 con la quale le associazioni sostengono che E’ INADEGUATA E RISCHIOSA LA COLLOCAZIONE TERRITORIALE del progetto del bypass ferroviario per I POTENZIALI NUOVI PERICOLI CHE CREEREBBE e, per questo, ECCESSIVAMENTE COSTOSA e TRASPORTISTICAMENTE INADEGUATA! Le associazioni spiegheranno alla Commissione Trasporti la migliore opportunità di SPOSTARE L’INVESTIMENTO previsto per il bypass a favore del raddoppio della linea Orte - Falconara (quindi, senza perdita di cantieri e lavoro!) e di RIPROGETTARE il collegamento ferroviario della linea romana con l’adriatica fuori dall’area ad elevato rischio idrogeologico, lontano da qualsiasi interferenza con l’aeroporto e finalizzandolo a reale miglioramento del trasporto merci e passeggeri. Nessuno perderebbe nulla e si perseguirebbe il vero interesse pubblico.

Staff Comitati e l’Ondaverde

leggi anche

http://www.comitati-cittadini.org/2014/12/bypass-ferroviario-falconara-m-la-star-dellopera-buffa-e-ling-michele-mario-elia-ad-di-rfi-2003-2008-oggi-capo-supremo-dopo-moretti-i-comprimari-antonio-di-pietro-ministro-in/

 

http://www.comitati-cittadini.org/2014/11/bypass-ferroviario-di-falconara-marittima-l%e2%80%99inchiesta-del-fatto-quotidiano-lo-descrive-come-un%e2%80%99-opera-buffa-le-associazioni-dei-cittadini-attendono-da-mesi-l%e2%80%99audizione-alla-c/


“LE MARCHE CHE NOI VOGLIAMO”! Gli ambientalisti compatti sull’appello di Italia Nostra.

Pubblicato il 17 Gennaio 2015 Nessun Commento »

LE MARCHE CHE NOI VOGLIAMO!

il documento

 

GLI AMBIENTALISTI COMPATTI SULL’APPELLO DI ITALIA NOSTRA

 

Il mondo ambientalista marchigiano si è ricompattato sull’iniziativa assunta da Italia Nostra Marche di presentare il documento appello ” LE MARCHE CHE NOI VOGLIAMO” rivolto sia ai cittadini, sia alle forze politiche che si candideranno a governare le Marche nelle elezioni amministrative di maggio 2015.

 

Il documento, maturato all’interno dell’Associazione Italia Nostra Onlus presente sul nostro territorio dagli anni ‘60, ha ricevuto il contributo critico di esperti e tecnici della società civile, noti anche a livello nazionale, quali Edoardo Biondi, Gabriele Fangi, Paolo Maddalena, Nicola Matteucci, Franco Pedrotti, Riccardo Picciafuoco, Gilberto Piccinini, Michele Polverari, Francesco Scarabicchi, Elisa Scotti, Fabio Taffetani.

 

Hanno aderito al documento, portando il proprio contribuito, la Federazione Pro Natura Marche, il Forum Paesaggio Marche, Legambiente Marche, l’Onda Verde Onlus, la Lupus in Fabula, Terra Mater, WWF Marche.

 

In una situazione di crisi della società, di confusione, di stordimento, gli ambientalisti marchigiani sono presenti ed uniti nel proporre, per il futuro governo delle Marche, azioni a tutela dei beni culturali ed ambientali che vedono al centro il benessere delle persone, trovandosi tra l’altro in buona compagnia (es. ONU, OCSE)

 

Il documento “LE MARCHE CHE NOI VOGLIAMO” condiviso da tutte le associazioni ambientaliste marchigiane è stato presentato Giovedì 15 gennaio alle ore 17 in Ancona c/o la Libreria Canonici in corso Garibaldi 132

 

Si è parlato del benessere dei cittadini come obiettivo primario del nuovo governo regionale, del dissesto idrogeologico e della legge per il territorio, del consumo di territorio “zero”, di felicità e di Pil, di OCSE e di Onu, della mobilità su ferro, della educazione e formazione, della agricoltura biologica, della ricerca, dell’innovazione, del turismo, dei parchi, dei centri storici, della partecipazione.

 

Staff l’Ondaverde ONLUS

 

Nerofumo dalla torcia API del 1 gennaio 2015: prime risposte, primi dubbi!

Pubblicato il 13 Gennaio 2015 Nessun Commento »


Ci sono pervenute le prime risposte alla nostra segnalazione e richiesta di informazioni sulle emissioni dalla torcia della raffineria API del 1 gennaio 2015.


La raffineria API ha informato che si è trattato di <<un inconveniente elettrico che ha comportato la fermata di tutte le unità di raffineria>>.

Ovviamente attendiamo i dati emissivi della torcia, cioè quali e quante sostanze sono state riversate con la densa nube nera formatasi.

Una domanda però ci sembra lecita:

Se, come afferma il Responsabile SSAQ della raffineria API, <<le operazioni di fermata sono state gestite secondo le consolidate procedure di sicurezza previste per tale operazione>>, come mai è stato necessario l’intervento dei Vigili del Fuoco presumibilmente avvertiti dagli stessi operatori della raffineria?

leggi anche precedente articolo e guarda le foto

http://www.comitati-cittadini.org/2015/01/la-raffineria-api-augura-il-buon-anno-a-falconara-marittima-con-una-densa-nube-nerofumo-dalla-torcia-alle-10-scatta-lallarme-e-intervengono-i-vigili-del-fuoco-di-ancona/


Staff l’Ondaverde

L’Indagine Epidemiologica sulla popolazione di Falconara Marittima nel cassetto della Regione Marche: l’Assessore alla Sanità, nel tentativo di smentire il Ministro della Salute, CONFESSA … ma non si dimette!

Pubblicato il 10 Gennaio 2015 Nessun Commento »




    Il Mezzolani ha dichiarato all’Espresso: <<I dati sono sul sito della Regione e nel 2013 sono stati inoltrati al Ministero per consentirgli di rispondere a delle interrogazioni parlamentari>>.



Gli crediamo, ma fa finta di non sapere che:


  1. 1) l’Indagine Epidemiologica eseguita dell’Istituto Nazionale Tumori di Milano (commissionata dalla Regione Marche) sull’incidenza di leucemie e linfomi non Hodgkin nella popolazione di Falconara Marittima non andava inviata perché un Ministro doveva rispondere ad una interrogazione! L’Indagine andava inviata al Ministro e all’Istituto Superiore Sanità per consentire di avere il quadro aggiornato di una popolazione a rischio sanitario poiché vive in un Sito inquinato di Interesse Nazionale (SIN) e in una Area ad Elevato Rischio di Crisi Ambientale (AERCA).


  1. 2) Quell’Indagine gli era stata consegnata dall’INT Milano a novembre 2011 mentre la prima interrogazione parlamentare a cui si riferisce il Mezzolani è del settembre 2013! Quello su cui glissa il Mezzolani è sul perché Lui e il suo Presidente Spacca per ben 2 (due) anni si sono tenuti nel cassetto l’Indagine Epidemiologica e perchè non ha mai organizzato una incontro divulgativo con l’INT Milano nei Comuni interessati dall’Indagine.
  2. Leggi articoli precedenti

http://www.comitati-cittadini.org/2014/11/decessi-per-leucemia-e-linfomi-non-hodgkin-1994-2003-a-falconara-marittima-ristabiliamo-la-verita-dei-fatti-di-fronte-alla-oscena-omissione-e-alle-ridicole-giustificazioni-dellassessore-alla-sani/


http://www.comitati-cittadini.org/2014/11/salute-l%e2%80%99oscena-omissione-della-regione-marche-nelle-parole-del-ministro-della-salute-beatrice-lorenzin-%e2%80%9cl%e2%80%99indagine-epidemiologica-presso-la-popolazione-residente-a-falconara/


Staff l’Ondaverde ONLUS e Comitato quartiere Villanova - Falconara Marittima


  •  


Emissioni nerofumo di capodanno dalla raffineria API: le immagini dei cittadini preoccupati e infastiditi dal trattamento riservato a Falconara Marittima!

Pubblicato il 2 Gennaio 2015 Nessun Commento »

Emissioni nerofumo di capodanno dalla raffineria API: le immagini dei cittadini preoccupati e infastiditi dal trattamento riservato a Falconara Marittima!











Sappiamo con certezza

che qualcuno dell’Amministrazione comunale di Falconara Marittima, in privato, ha considerando le preoccupazioni dei cittadini come “suggestioni collettive“!

Dalle immagini che abbiamo ricevuto da diversi quartieri e da Montemarciano, ci sembra che i falconaresi (e non solo) siano preoccupati per la propria salute ed infastiditi per come è trattata la città ed il territorio in cui vivono!




guarda il video


https://www.dropbox.com/s/st50gddgdqmcann/20150101_103037.mp4?dl=0