L’AD di API raffineria al telefono con l’ex Sindaco di Falconara M. Goffredo Brandoni: i Carabinieri del NOE sono dei “rompi coglioni” e “l’Italia è un paese di merda”. E l’ex Sindaco: i cittadini che hanno segnalato le esalazioni dalla raffineria sono delle “faccia di cazzo”!

Pubblicato il 29 Agosto 2020 Nessun Commento »


Esprimiamo INDIGNAZIONE per i contenuti emersi nel dossier pubblicato da Il Fatto Quotidiano on line del 27 agosto 2020 (rubrica: Giustizia di Fatto), il quale porta all’attenzione frasi gravi e prive di rispetto per le istituzioni da parte dell’A.D. di API raffineria Giancarlo Cogliati.

https://www.ilfattoquotidiano.it/in-edicola/articoli/2020/08/27/fumi-neri-a-falconara-lex-sindaco-e-lamministratore-di-api-i-cittadini-sono-teste-di-cazzo/5912034/

L’atteggiamento dell’ex Sindaco di Falconara M., Goffredo Brandoni, per come emerge dalla lettura dell’articolo, potrebbe spiegare invece molte delle difficoltà da noi riscontrate nell’ottenere verifiche e interventi concreti a miglioramento delle condizioni ambientali e sanitarie/epidemiologiche di questo territorio. Prendiamo atto di quanto riportato nel citato dossier giornalistico, con un duplice sentimento.

Da un lato una tristezza infinita per quello che, leggendo l’articolo, avvertiamo come una sorta di tradimento perpetrato verso la cittadinanza da parte dell’ex Sindaco Goffredo Brandoni, che a fronte della necessaria opportunità di controlli e verifiche potrebbe essere venuto meno alla sua funzione di primo difensore della salute dei cittadini, procedendo ad “un tacito gentlemen’s agreement per sostenersi a vicenda nelle problematiche d’impatto sociale“.

Controlli e verifiche anche alla luce degli studi epidemiologici e quindi delle evidenze scientifiche emerse relativamente alla salute dei falconaresi e dei comuni limitrofi, evidenze che mai ci siamo sottratti dal portare all’attenzione di tutti, anche all’ex Sindaco e certamente in più occasioni. Dall’altro un profondo e ripetuto sentimento di delusione, anche se non apprendiamo la notizia con eccessiva sorpresa visto l’atteggiamento da noi già riscontrato in occasione di svariati incontri istituzionali (audizioni in Regione Marche, incontro in Prefettura di Ancona, Commissioni e Consigli Comunali).

Non entreremo in merito al dibattito politico, non ci compete e non vogliamo farlo. Abbiamo in più occasioni denunciato l’immobilismo delle istituzioni e l’atteggiamento di fastidio e imbarazzo riscontrato in occasione di ognuna delle centinaia di segnalazioni inviate a seguito delle evidenti esalazioni avvertite dalla popolazione sensibile al tema. In base al contenuto dell’articolo ora tutto questo si abbina alle frasi gravi e prive di rispetto per le istituzioni dell’A.D. Giancarlo Cogliati.

Poche settimane fa (esalazioni industriali del 4 luglio c.a.) ci permettevamo di dichiarare “siamo ancora tristemente all’anno ZERO della tutela della Salute!“, si era da poco verificato l’ennesimo episodio di esalazioni industriali moleste (olezzi intensi di idrocarburi/zolfo) e potenzialmente pericolose per la salute, le quali avevano nuovamente ammorbato l’aria di interi quartieri. Pochi giorni dopo è stato ripetutamente coinvolto l’abitato di Castelferretti, in entrambi i casi costringendo parte della popolazione ad una consolidata necessità di dover produrre segnalazioni al Comune, nel disperato tentativo di continuare a far emergere una problematica annosa, mai risolta e forse elusa attraverso provvedimenti di facciata o comunque poco incisivi, di cui oggi in parte ci possiamo spiegare il perché.

Infine, stando a quanto scritto nell’articolo odierno pubblicato su Il Fatto Quotidiano cartaceo, sottolineiamo un altro fatto grave: l’articolo riferisce di una violazione della protezione dei dati personali di tutti quei cittadini che, appartenenti e non ai comitati, vengono invece “esposti” proprio nei confronti di quelle aziende che sul nostro territorio producono emissioni nell’aria e sono spesso causa delle relative esalazioni. Insomma: il Comune istituisce un numero verde per le segnalazioni di emergenza ambientale e l’ex Sindaco che cosa faceva? Comunicava al telefono alcuni di questi nomi all’A.D. dell’azienda associandoli (pure in modo errato) anche a forze politiche?
L’Ondaverde Onlus e Comitato Mal’aria Falconara/Castelferretti




Decreto Legge “Semplificazioni”. Inviato ai Parlamentari il Dossier e l’appello di 160 associazioni e comitati nazionali e locali da tutta Italia: “È un attacco alla partecipazione dei cittadini, V.I.A., clima e bonifiche da Taranto a Gela, da Mantova a Bussi, da Brindisi a Venezia e decine di altri siti”

Pubblicato il 29 Luglio 2020 1Commento »

Abbiamo esaminato il DECRETO-LEGGE 16 luglio 2020, n. 76, il cosiddetto Decreto “semplificazioni”. Nel merito delle criticità che verrebbero introdotte se questo Decreto rimanesse così com’è, abbiamo aderito al sottostante Comunicato Stampa, in sinergia con molte altre realtà associative da tutta Italia, perché riteniamo sia necessaria una ferma presa di posizione per porre l’attenzione su tutta una serie di aspetti a nostro avviso negativi.

Ci auguriamo questi contenuti richiamino l’attenzione dei Parlamentari, di tutti i gruppi politici, augurandoci che ciò porti ad una sostanziale modifica di quanto elaborato dal Governo. Il Comunicato Stampa può essere letto qui sotto, in allegato troverete invece anche il Dossier e l’elenco degli emendamenti proposti dall’insieme delle associazioni/comitati aderenti da tutta Italia.

Facciamo circolare questi documenti perché favoriscono informazione e consapevolezza, hanno inoltre richiesto uno sforzo tempestivo, molte ore di lavoro per le quali ci sentiamo di ringraziare gli attivisti che più ci hanno lavorato.
Comitato Mal’aria Falconara e l’Ondaverde.

Comunicato stampa del 27/07/2020

DL “Semplificazioni”. Dossier di 160 associazioni e comitati nazionali e locali da tutta Italia “È
attacco a partecipazione dei cittadini, V.I.A., clima e bonifiche da Taranto a Gela, da Mantova a
Bussi, da Brindisi a Venezia e decine di altri siti”


Appello ai parlamentari, ecco 34 proposte emendative per migliorare concretamente le procedure e renderle efficaci ed efficienti per tutelare la salute dei cittadini e l’ambiente.
“Il DL Semplificazioni contiene norme che ritardano o addirittura annullano le bonifiche dei siti inquinati,
dimezzano i tempi già oggi molto risicati per la partecipazione dei cittadini nelle procedure di Valutazione di Impatto Ambientale, favoriscono le opere “fossili” in piena emergenza climatica, moltiplicano le poltrone con l’istituzione di una seconda commissione VIA nazionale”: 160 associazioni e comitati di livello nazionale, interregionale e locale da 18 regioni hanno inviato a tutti i parlamentari un corposo dossier dal titolo “Decreto Semplificazioni, così sono devastazioni” con l’analisi “comma per comma” e 34 proposte di emendamento del Decreto Legge “Semplificazioni” varato alcuni giorni fa dal Governo e ora approdato in Senato per l’avvio dell’iter di conversione in legge.
Clima
Sotto il paradossale ma accattivante titolo “Semplificazioni in materia di green economy” il Dl Semplificazioni
introduce norme che favoriscono le opere “fossili” come i nuovi gasdotti. Ad esempio gli articoli che fanno
venire meno i diritti, costituzionalmente protetti, degli usi civici. Si semplificano anche i rifacimenti; essendo la vita tecnica media di un gasdotto di 50 anni, vuol dire ipotecare il futuro visto che nel 2070 evidentemente dovremo usare ancora le fossili alla faccia dei cambiamenti climatici.
Valutazioni Ambientali
Invece di scommettere sulla partecipazione dei cittadini alla vita pubblica, si tagliano pesantemente i termini per poter presentare osservazioni ai progetti sottoposti a Valutazione di Impatto Ambientale per il loro
potenziale impatto sulla salute e sull’ambiente di intere comunità. Prima del decreto se un’azienda avesse
voluto realizzare una raffineria o un pozzo di petrolio i cittadini avrebbero avuto 60 giorni di tempo per
accorgersi dell’esistenza del progetto, esaminare la documentazione costituita da centinaia di elaborati tecnici di migliaia di pagine e scrivere le osservazioni. Tempi già molto risicati.
Se il Parlamento confermerà il testo varato dal Governo, i tempi saranno addirittura dimezzati, scendendo a soli 30 giorni, assolutamente insufficienti per i volontari per difendere i propri diritti in considerazione dell’impatto che queste opere possono avere sulla qualità della loro vita. Per le procedure regionali, che riguardano cave,
discariche, impianti chimici ecc si scende da 60 giorni a 45, con il paradosso che per progetti di carattere
regionale si avrà più tempo rispetto ai progetti di potenziale impatto nazionale. Questo la dice lunga su chi si intende favorire e, cioè, le grandi imprese nazionali e multinazionali.
Questi i nuovi termini:
-nella verifica di Assoggettabilità a V.I.A. da 45 giorni a 30;
-nella V.I.A. “normale” restano 60.
-nella V.I.A. nazionale tramite conferenza dei servizi simultanea, procedura che il Governo vuole
espressamente favorire, da 60 a 30 giorni;
-nella V.I.A. regionale si passa da 60 a 45 giorni.
Interessante notare che si preferisce colpire i diritti dei cittadini e non i dirigenti inefficienti. Il vero problema della V.I.A. nazionale sono i 30 giorni da togliere alle associazioni per esaminare i progetti oppure la burocrazia ministeriale che tiene le carte ferme nei cassetti per anni? Come mai non vi è alcuna norma che attacchi i dirigenti su merito e responsabilità? Eppure basta andare sul sito del Ministero e prendere un qualsiasi progetto per verificare dove sono i tempi morti.
Diversi codicilli, poi, erodono in molteplici casi l’efficacia della procedura di Valutazione di Impatto Ambientale, dalla realizzazione delle indagini archeologiche che potrà essere fatta “a posteriori”, quando la Direttiva comunitaria impone di accertare preventivamente proprio con la VIA l’impatto sul patrimonio culturale, ai rifacimenti di impianti, al potenziamento delle opere stradali, ferroviarie e idriche esistenti.
Nel Decreto sono state introdotte norme che eludono la direttiva comunitaria sulla Valutazione Ambientale
Strategica, in particolare per le opere in variante ai piani già approvati: ci chiediamo a questo punto perché
produrre piani se poi si possono fare tranquillamente deroghe “in automatico”.
Paradossalmente, le “semplificazioni” portano alla moltiplicazione dei possibili percorsi amministrativi di
valutazione, come ad esempio quello aggiuntivo confezionato per le opere del PNIEC (il Piano Clima - Energia che a dispetto degli slogan è basato su opere fossili come gasdotti e centrali a metano) e alla moltiplicazione delle “poltrone” con il varo di una seconda commissione V.I.A. che affiancherà quella già esistente, per la cui nomina ci sono voluti oltre due anni.
Insomma, tutte norme che cercano di rendere la procedura di V.I.A. un mero orpello, un timbro in più da mettere quanto più velocemente sui progetti, svuotandola del suo significato originario fissato dalla Direttiva comunitaria che la istituisce: la valutazione dei reali impatti su salute dei cittadini e ambiente dei progetti.
Bonifiche
Con l’articolo 53 comma 4 quater può, nei fatti, venire addirittura meno la bonifica delle acque
sotterranee, una vera e propria emergenza del paese con le falde contaminate da sostanze tossiche o
cancerogene con concentrazioni spesso decine di migliaia di volte superiore ai limiti di legge. La norma prevede infatti per le aziende responsabili di poter ottenere il certificato di avvenuta bonifica anche per il solo suolo qualora si dimostri che l’acqua inquinata non lo influenzi, con contestuale svincolo delle garanzie finanziarie che gli inquinatori devono versare per assicurare che le attività di ripristino siano effettivamente svolte anche in caso, ad esempio, di fallimento dell’azienda.
Tolta pure la deterrenza economica diventa un tana libera tutti per i grandi inquinatori delle acque
sotterranee, un vero e proprio incentivo a non bonificare che, tra l’altro, varrà per i grandi gruppi che hanno
inquinato, visto che si applica solo ai Siti Nazionali di Bonifica e non già agli altri siti contaminati “normali”. Un vero e proprio paradosso, insieme agli ulteriori passaggi degli articoli in cui, richiamando esclusivamente
l’applicazione del solo articolo 242, quello relativo alle procedure ordinarie, si esclude per i Siti Nazionali di
Bonifica l’applicazione delle procedure semplificate introdotte nel 2014 con l’art.242bis proprio per velocizzare le bonifiche ripulendo tutto senza ricorrere all’analisi di rischio che porta lungaggini e bonifiche più blande (ma meno costose!).
Per quanto riguarda i Siti di Interesse Nazionale per le Bonifiche, cioè le aree più inquinate del paese non
si procederà più, come si fa oggi, direttamente alla caratterizzazione delle aree - ossia il delicato e stringente processo di ricostruzione della contaminazione avvenuta - dando per scontato che per i terreni e le acque sotterranee dell’Ilva a Taranto, di Bussi, di Gela, di Falconara e di decine di altri siti devono essere prese precauzioni molto più stringenti all’altezza dei problemi. Con l’art. 53, invece, si rende possibile agli
inquinatori di partire presentando invece della caratterizzazione una più semplice e blanda “indagine preliminare”, come avviene per un sospetto di inquinamento in qualsiasi altra area del paese.
Come se una raffineria fosse una pompa di carburante, insomma!
Si aggiungono così ulteriori lungaggini e un passaggio burocratico in più, con un Ministero dell’Ambiente che è già vergognosamente indietro con le procedure per bonificare questi luoghi. Il ruolo del Ministero sempre di più ci sembra quello dello stopper delle bonifiche, con risparmi miliardari alle aziende che hanno inquinato. Anche in questo caso, invece di chiedere conto ai dirigenti e alle aziende per i ritardi si scarica tutto sui cittadini e sulla loro salute.
Il DL andrà ora in Parlamento per la conversione in legge. Abbiamo preparato 34 emendamenti per confermare il nostro approccio propositivo, sia per abrogare gli articoli e i commi che sono veri e propri regali agli inquinatori sia per suggerire l’introduzione di norme, alcune delle quali già operanti da anni in alcune regioni, che rendano le procedure di bonifica e di valutazione ambientale realmente efficaci ed efficienti e che rafforzino la cooperazione tra i diversi livelli dello Stato. La partecipazione dei cittadini, la trasparenza e la tutela della salute sono i capisaldi; se il DL rimarrà invariato troveranno pronti alla mobilitazione le realtà firmatarie di questo comunicato per difendere territori e cittadini.

Info: segreteriah2oabruzzo@gmail.com, 3683188739-3381195358-3408458144-3477757397

– Comitato Mal’aria - Falconara M.
Pagina FB: https://www.facebook.com/Comitato-Malaria-Falconara-M-1611743038863757/
youtube canale CICOVO: https://www.youtube.com/user/cicovo/videos
Nuovo sito Comitato Mal’aria:  https://sites.google.com/view/malariafalconara
Sito Storico Ondaverde:          http://www.comitati-cittadini.org/

Sabato 4 luglio le ESALAZIONI SOLFOROSE dalla raffineria che “se fosse progettata oggi, in base alle direttive dell’Unione Europea, non potrebbe essere localizzata dove si trova” hanno assediato Falconara Marittima. Le segnalazioni e le proteste dei cittadini esasperati e costretti a tenere chiuse le finestre delle proprie abitazioni trovano anche la conferma della centralina di rilevamento di Falconara Scuola che, rispetto alle concentrazioni consuete, ha registrato un raddoppio della media giornaliera della concentrazione sia di Idrogeno solforato (H2S) sia di Biossido di Zolfo (SO2) con punte orarie di concentrazione quadruplicata. A Falconara Alta punte orarie con concentrazione triplicata di SO2. FALLISCE alla prima prova concreta il Progetto di sistema di monitoraggio integrato di ARPAM e Comune di Falconara pagato anche dall’API: l’unico campionatore attivabile dei 6 installati e connessi con la APP, NON SI È ATTIVATO nonostante decine di segnalazioni APP e telefoniche. Inoltre tutti NON SONO DOTATI di analizzatori per H2S e SO2, quindi sarebbero stati comunque INUTILI. Ricordiamo che livelli di concentrazione di SO2 compresi tra 2 e 28 µg/mc hanno effetti sull’apparato respiratorio e possono causare danni e determinano un “aumento dei ricoveri per asma e malattie respiratorie in genere, peggiora il quadro clinico di chi è affetto da patologia respiratoria”!

Pubblicato il 7 Luglio 2020 Nessun Commento »

ABBIAMO RICEVUTO E PUBBLICHIAMO IL SEGUENTE ARTICOLO DEL CONSIGLIERE COMUNALE DELLE LISTE CIVICHE Cittadini in Comune/Falconara Bene Comune e SiAmo Falconara Sinistra in Comune riguardo alle esalazioni di H2S e SO2 diffusesi a Falconara Marittima il 4 luglio scorso.


Sabato 4 luglio molti falconaresi residenti in zona Centro, via Castellaraccia, via Puglie, via Buozzi, via Leopardi, via Milano a Falconara Alta, via Foscolo quartiere Stadio, Villanova, sono stati costretti a tenere chiuse le finestre delle proprie abitazioni per proteggersi dalle esalazioni solforose che hanno assediato Falconara Marittima. Con il sole di luglio che ha portato il termometro a 28 °C di temperatura i falconaresi sono stati privati del più elementare dei diritti. Le esalazioni solforose provenivano dalla raffineria API sospinte dal vento Maestrale. Nessun incidente e nessuna anomalia negli impianti petroliferi bensì normale ciclo di raffinazione che si svolge - INDECENTEMENTE - in una “raffineria in centro” (21/7/2017 On. Alessandro Bratti - Presidente della Commissione Parlamentare di inchiesta sulle attività connesse al ciclo dei rifiuti), in un impianto che “se fosse progettato oggi, in base alle direttive dell’Unione Europea, non potrebbe essere localizzato dove si trova” (26/8/1999 Corrado Clini - Direttore Generale del Ministero dell’Ambiente).

I dati delle concentrazioni che pubblichiamo sono quelli rilevati dalla centralina Falconara Scuola (Villanova), una delle 3 centraline storiche della Rete Regionale della Qualità dell’Aria, posizionata sottovento alla raffineria quando c’è vento Maestrale, da Nord Ovest. Rispetto alle concentrazioni consuete, ha registrato un raddoppio della media giornaliera della concentrazione sia di Idrogeno solforato (H2S) sia di Biossido di Zolfo (SO2) con punte orarie di concentrazione quadruplicata. A Falconara Alta punte orarie con concentrazione triplicata di SO2. Ricordiamo che livelli di concentrazione di SO2 compresi tra 2 e 28 µg/mc hanno effetti sull’apparato respiratorio e possono causare danni e determinano un “aumento dei ricoveri per asma e malattie respiratorie in genere, peggiora il quadro clinico di chi è affetto da patologia respiratoria” (Battistini A. Inquinamento extradomiciliar. In Ronchetti R. La flogosi polmonare cronica. Ed. MES 1999; 185-198).


Infine va sottolineato il FALLIMENTO, alla prima prova concreta, del Progetto di sistema di monitoraggio integrato di ARPAM e Comune di Falconara pagato anche dall’API. I CAMPIONATORI NON SI SONO ATTIVATI! Secondo quanto affermato dal Sindaco Stefania Signorini il 26 maggio scorso, il Progetto strettamente correlato alla APP avrebbe determinato “un intervento molto più veloce. E soprattutto molto più efficace” perché “i dispositivi campioneranno l’aria subito dopo le segnalazioni per identificare i principali composti organici volatili (Cov), che finora non sono stati mai monitorati” (Comunicato Stampa del Comune 10/1/2020). E l’ARPAM aveva annunciato il 20/6/2019: “5/8 box campionatori finalizzati al prelievo tempestivo non presidiato di aria ambiente ad attivazione remota da operatore preposto (personale ARPAM) al superamento di un determinato numero di segnalazioni pervenute (la soglia di attivazione verrà impostata e calibrata nella fase iniziale del progetto)“. Risultato: l’unico campionatore attivabile (collocato a Palazzo Bianchi) dei 6 installati e connessi con la APP, NON SI È ATTIVATO nonostante decine di segnalazioni APP e telefoniche. Inoltre TUTTI E 6 NON SONO DOTATI di analizzatori per H2S e SO2, quindi sarebbero stati comunque INUTILI!

Un successone del Sindaco Signorini e del Direttore Generale ARPAM, Marchetti!

Loris Calcina - Capogruppo consiliare CiC/FBC/SAF


“I siti contaminati ai tempi del Covid-19. Qui l’emergenza non finirà il 31 luglio!” Giovedì 18/6 ore 18:00 diretta facebook Comitato Mal’Aria Falconara con il Prof. Walter Ganapini, il Prof. Mirco Fanelli e l’Avv. Monia Mancini

Pubblicato il 17 Giugno 2020 Nessun Commento »


Giovedì 18/6 ore 18:00 trasmetteremo un’importante diretta fb dalla pagina del ”Comitato Mal’aria - Falconara M., sarà possibile seguirla collegandosi al link:

https://www.facebook.com/comitatomalariafalconara/videos/342278323424549/
Titolo: “I siti contaminati ai tempi del Covid-19. Qui l’emergenza non finirà il 31 luglio!”
Relatori:
- Prof. Walter Ganapini - Membro Onorario Comitato Scientifico, Agenzia europea per l’ambiente;

- Mirco Fanelli - Prof. Associato Medicina di laboratorio - Univ. di Urbino.

Modera: l’Avv. Monia Mancini - Segr. Regionale di Cittadinanzattiva delle Marche.


Durante questa pandemia la parola “ambiente” è stata ripetuta molte volte nel dibattito pubblico nazionale, ma senza lasciare una traccia tangibile, un po’ come se il Covid-19 avesse portato via le altre criticità (ambientali e sanitarie) presenti da ben prima del suo arrivo. Ritenendo importante proporre un momento di riflessione su tutta una serie di aspetti e realtà dimenticate, apparentemente escluse dal dibattito interno alla politica e alle istituzioni, abbiamo deciso di invitare a parlarne due relatori autorevoli, che ringraziamo davvero tanto per la loro disponibilità.


Info di servizio:

selezionando il link sopra indicato è possibile attivare il pulsante “Ricevi il promemoria”, in questo caso fb Vi avviserà nel momento in cui partirà la diretta. Il link è pubblico, l’incontro sarà pertanto visibile anche a coloro che non hanno un profilo fb e resterà in rete a beneficio di chi non potrà collegarsi durante la diretta e vorrà ascoltare la registrazione.

Ringraziamo quante/i contribuiranno a diffondere informativa di questo appuntamento.


Evento organizzato da:

Comitato Mal’arial’Ondaverde ODV Falconara M. e Cittadinanzattiva delle Marche Onlus.

Comitato Mal’aria - Falconara M.

Pagina FB: https://www.facebook.com/Comitato-Malaria-Falconara-M-1611743038863757/

Youtube canale CICOVO:                            https://www.youtube.com/user/cicovo/videos

Nuovo sito Comitato Mal’aria:                      https://sites.google.com/view/malariafalconara

Sito Storico comitati di quartiere/Ondaverde: http://www.comitati-cittadini.org/


Sostienici con il 5×1000 dell’Irpef

scrivi il codice fiscale de l’Ondaverde ODV: 93114110427


5×1000 dell’IRPEF: SOSTIENI L’ONDAVERDE ONLUS! Con una firma puoi SOSTENERE chi si batte per la tutela di salute e ambiente e per far pagare chi inquina, chi anima il centro culturale LA GALLERIA DELLE IDEE, il Teatro civile della compagnia Di Aria, Di Fuoco, Di Terra, Di Mare!

Pubblicato il 16 Maggio 2020 Nessun Commento »


Associazione l’Ondaverde ODV Falconara M.

È composta da cittadini che hanno a cuore la riqualificazione ambientale del territorio ed il progresso sociale e culturale nelle Marche, con particolare riferimento a Falconara M. e alla bassa valle del fiume Esino. La nostra associazione non ha fini di lucro.

Siamo attualmente impegnati principalmente:

  • nel tentativo di migliorare le condizioni di vita della comunità sensibilizzando incessantemente le istituzioni rispetto alla necessità di: diminuire la pressione ambientale che grava sul territorio comunale e limitrofi (SIN e Area Elevato Rischio Crisi Ambientale), ridurre mortalità e ricoveri per le patologie (tumorali e non) riscontrate in eccesso;
  • nel mantenimento di uno spazio aperto ad iniziative culturali e all’incontro sociale, la Galleria delle idee di via Nino Bixio 18A Falconara M. (sotto la Galleria), un ex locale commerciale a cui abbiamo ridato vita insieme alle associazioni Bridge e Basket Falconara e frequentazione attraverso iniziative informative, presentazioni di libri, ecc.;
  • nello sviluppo del progetto teatrale della compagnia Di Aria, Di Terra, Di Fuoco, Di Mare. L’Associazione persegue esclusivamente finalità di solidarietà sociale e si propone di svolgere la propria attività per incrementare la partecipazione dei cittadini alla tutela del bene comune e del paesaggio; alla valorizzazione della cultura locale e del territorio; alla messa in pratica di comportamenti volti a limitare i consumi, a risparmiare energia e produrla in modo pulito e rinnovabile, a difendere e promuovere i valori della tolleranza, della solidarietà e della pace, a valorizzare i principi dell’economia circolare.

Sostienici col 5×1000 dell’Irpef

Se hai percepito redditi assoggettati all’Irpef (lavoro dipendente, assimilato o pensione) e sei interessato a destinare il 5 per mille dell’imposta a sostegno del nostro impegno, puoi farlo sul Mod. 730 o sul Mod. Unico e, se non presenti la dichiarazione dei redditi, direttamente nel Modello di Certificazione Unica.

Cerca la sezione “Scelta per la destinazione del Cinque per Mille” e procedi come segue:

1. firma in corrispondenza della dicitura “Sostegno delle organizzazioni non lucrative…”

2. scrivi il codice fiscale de l’Ondaverde ODV: 93114110427


Situazione epidemiologica sanitaria di Falconara M.: il servizio tv di STRISCIA LA NOTIZIA!

Pubblicato il 1 Maggio 2020 Nessun Commento »

La trasmissione di “Striscia la notizia” nella puntata di ieri sera (29/4/2020) è tornata a parlare della situazione epidemiologica sanitaria di Falconara M.
Puoi vedere il servizio al link:
https://www.striscialanotizia.mediaset.it/video/raffineria-di-falconara-i-rischi-per-la-salute-degli-abitanti_67227.shtml


Sulle dichiarazioni rilasciate dall’AD Giancarlo Cogliati torneremo prossimamente (c’è molto da dire e intendiamo farlo con precisione, senza fretta). 
Per ora ringraziamo ancora una volta, per l’attenzione, la redazione di Striscia e l’inviato Pinuccio.

Molto importante: condividi per cortesia il servizio sul tuo profilo fb personale, aumenterà la visibilità, lo troverai al link seguente:

https://www.facebook.com/1611743038863757/posts/3094126883958691?sfns=mo

Grazie. A presto.

Comitato Mal’aria - Falconara M. e l’Ondaverde ODV Falconara M.
Pagina FB: https://www.facebook.com/Comitato-Malaria-Falconara-M-1611743038863757/
youtube canale CICOVO: https://www.youtube.com/user/cicovo/videos
Nuovo sito Comitato Mal’aria:  https://sites.google.com/view/malariafalconara
Sito Storico Ondaverde:          http://www.comitati-cittadini.org/