Esalazioni di idrocarburi/solventi a Castelferretti di Falconara M. del 23 novembre 2016: la direzione del vento fa intuire da dove potrebbero essersi generate, ma è palese l’INADEGUATEZZA sia della valutazione delle segnalazioni dei cittadini, sia della comunicazione tra Comune ed ARPAM e sia dei sistemi di rilevamento della qualità dell’aria! Pubblichiamo la risposta dell’ARPA Marche sollecitata anche dalla Prefettura di Ancona

Pubblicato il 29 Gennaio 2017 2 Commenti »

Analizzando la nota di risposta dell’ARPA Marche - Direzione Dipartimento di Ancona, osserviamo:

1) ARPAM scrive che non è pervenuta alcuna richiesta di intervento”. Solo dalle conversazioni su facebook (che pubblichiamo quì e sono parte della segnalazione inoltrata da l’Ondaverde a Prefetto, Sindaco, Presidente Provincia e Assessore Ambiente della Regione) risultano almeno 4 segnalazioni al numero delle Emergenze ambientali del Comune di Falconara e una chiamata al Tecnico reperibile dell’ARPAM il quale ha risposto, ma non riusciva a sentire quanto riferiva il cittadino!

2) ARPAM scrive che “La direzione prevalente del vento in particolare nelle ore indicate nella segnalazione è stata in prevalenza dal secondo e terzo quadrante” . Quella direzione del vento da SE (Sud-Est) alle ore 20 del 23 novembre 2016, significa che potrebbe avere trasportato esalazioni o dalla ditta Bufarini Srl o dalla SEA Srl!

3) ARPAM scrive che Le concentrazioni di idrocarburi totali rilevate dall’analizzatore della stazione di Falconara Acquedotto non mostra in tale orario incrementi significativi. Dato che non esiste alcuna centralina di rilevamento della qualità dell’aria a Castelferretti, l’ARPAM ha preso un dato dalla centralina di Fiumesino (Acquedotto) che dista oltre 2 km dalla zona in cui si è diffusa l’esalazione. La concentrazione si sarà diluita? Forse. Però quello che non capiamo è il parametro idrocarburi totali che non esiste tra gli analizzatori della centralina Acquedotto, a meno che l’ARPAM non intenda gli Idrocarburi Non Metanici (NMHC). Se ARPAM si riferisce agli NMHC, alle ore 20 del 23 novembre il loro valore era di 477µg/mc. E’ poco? E’ tanto? Ci risulta che il limite di legge per gli NMHC è fissato in 200 µg/mc da prendere in considerazione quando si supera lo standard di qualità dell’aria per l’inquinante Ozono. Inoltre ci chiediamo: se ad oltre 2 km di distanza dalla zona di residenza dei cittadini di Castelferretti il valore di NMHC era di 477µg/mc, in loco (via Allende, Olof Palme, Che Guevara, Giordano Bruno) che valore aveva?


4) ARPAM scrive che Per quanto riguarda il rilevamento di solventi o composti organici volatili (COV), le suddette stazioni di rilevamento non sono attrezzate allo scopo”. Si sta parlando della Rete Regionale della Qualità dell’Aria e delle stazioni di rilevamento di tipo industriale che ogni anno dovrebbero verificare quante tonnellate di COV si riversano sui falconaresi! Dovrebbero farlo sistematicamente dato che solo dalla raffineria API ne vengono emesse oltre 200 tonnellate all’anno (232 t. nel 2015) ma, altrettanto sistematicamente, NON LO FANNO perché non sono MAI STATE DOTATE DEGLI ANALIZZATORI IN CONTINUO PER I COV a far data dall’entrata in funzione alla fine degli anni ‘90!

Staff comunicazione l’Ondaverde Onlus

Manganese nell’acqua di un pozzo privato a confine con il SIN di Falconara Marittima: Se il pozzo privato è ubicato in “area esterna al SIN la titolarità del procedimento è regionale, ferme restando le competenze provinciali in merito all’individuazione dei soggetti responsabili” della contaminazione. E’ la comunicazione del Ministero dell’Ambiente inviata a Regione e Comune di Falconara in seguito alla segnalazione dell’Ondaverde Onlus.

Pubblicato il 19 Dicembre 2016 Nessun Commento »


Il Ministero dell’Ambiente ha inviato una nota al Comune di Falconara Marittima, alla Regione Marche, alla Provincia di Ancona, al Prefetto, all’ARPAM e all’ASL di Ancona riguardo alla contaminazione da MANGANESE riscontrata nell’analisi dell’acqua in un pozzo privato adiacente al Sito inquinato di Interesse Nazionale (SIN) di Falconara (quartiere Villanova), analisi che l’Ondaverde Onlus aveva fatto eseguire in proprio ed inviato al Ministero. Il Ministero scrive che se il pozzo privato è ubicato in “area esterna al SIN la titolarità del procedimento è regionale, ferme restando le competenze provinciali in merito all’individuazione dei soggetti responsabili” della contaminazione.

A seguito della nota del Ministero dell’Ambiente anche la Prefettura di Ancona ha chiesto al Comune di Falconara M. e all’ARPA Marche di “fornire ogni utile informazione sulla situazione“.

L’Ondaverde (che ha ricevuto per conoscenza le comunicazioni ministeriale e prefettizia) ed i cittadini attendono l’intervento degli Enti sollecitati per una contro verifica dei risultati delle analisi e per valutare l’estensione della contaminazione. Il MANGANESE è un metallo pesante riscontrato anche nelle acque di falda del SIN di Falconara analizzate a circa 55 metri dal pozzo privato ed è presente nelle acque di falda sia dell’area da bonificare di competenza di RFI sia dell’area della raffineria API.

leggi la min-ambiente-risposta-prot-23288_sta-sin-falconara

leggi la nota della Prefettura

Staff comunicazione l’Ondaverde Onlus


NON CHIUDETE éTV !!!!

Pubblicato il 17 Dicembre 2016 Nessun Commento »

 

NONCHIUDETEE’TV !!!!

Le logiche che regolano il mondo del lavoro appaiono sempre più incomprensibili e, a maggior ragione, quando riguardano una professione svolta con merito, sapienza, intelligenza e tanta sensibilità. Una Redazione fatta di giornalisti e tecnici, certo, ma che non dimenticano mai di essere UOMINI e DONNE, come tutti noi. In bocca al lupo a tutti, Voi e noi. Non siete e non sarete soli.



leggi comunicato della Redazione di èTV

http://etvmarche.it/2016/12/15/la-nostra-vertenza-etv-marche-in-sciopero/


Staff comunicazione l’Ondaverde Onlus e Comitati cittadini - Falconara Marittima

Ondaverde e Comitati hanno inviato al Ministero della Salute e al Ministero dell’Ambiente la NOTA DI EPIDEMIOLOGIA DESCRITTIVA prodotta a giugno 2011 da Agenzia Regionale Sanitaria delle Marche e ARPA Marche con i dati dei ricoveri ospedalieri che hanno riguardato la popolazione di Falconara M. dal 2004 fino al 2009. Ai cittadini non risulta che Regione Marche o Comune di Falconara M. abbiano inviato quella NOTA al Ministero della Salute!

Pubblicato il 6 Dicembre 2016 Nessun Commento »

L’Ondaverde Onlus, i Comitati Malaria Falconara/Castelferretti, Fiumesino e Villanova, hanno inviato al Ministero della Salute e al Ministero dell’Ambiente la NOTA DI EPIDEMIOLOGIA DESCRITTIVA prodotta a giugno 2011 da Agenzia Regionale Sanitaria delle Marche e ARPA Marche. Quella NOTA che ha rilevato i dati dei ricoveri ospedalieri che hanno riguardato la popolazione di Falconara M. dal 2004 fino al 2009, non ci risulta essere stata inviata al Ministero della Salute né dalla Regione Marche né dal Comune di Falconara.

L’accurato ed importante documento del Ministero della Salute del giugno scorso ( leggi quì ), che la Consigliera comunale Lara Polita ha portato alla luce dal fondo del cassetto del Sindaco di Falconara, non cita la NOTA di ARS ed ARPAM in cui è scritto che a Falconara Marittima “per i ricoveri ospedalieri si rilevano eccessi per il  tumore maligno della pleura e leucemie (…) i tumori maligni della trachea, bronchi e polmoni mostrano valori sopra la media regionale (…) I linfomi non Hodgkin e le leucemie appaiono in lieve incremento specie nei comuni di Ascoli e Falconara ma anche come trend regionale (…) La leucemia mostra elevati tassi di ricoveri a Falconara M.”.

Nella lettera di accompagno le associazioni dei cittadini falconaresi, hanno anche chiesto al Ministero della Salute di sollecitare la Regione Marche, l’ARS Marche e l’ARPA Marche a produrre e farsi inviare l’aggiornamento della suddetta NOTA DI EPIDEMIOLOGIA DESCRITTIVA almeno con le più recenti Schede di Dimissione Ospedaliera.

Questa ultima richiesta è stata già avanzata dalle associazioni l’11 maggio 2016 durante l’audizione con le Commissioni Ambiente e Sanità della Regione Marche, presente anche l’Assessore all’Ambiente - Angelo Sciapichetti - ed il Direttore dell’ARS Paolo Aletti.

Inoltre, per avere risposte ai quesiti da noi posti durante l’audizione citata, dovevamo essere riconvocati, ma nonostante una recente sollecitazione scritta da noi inviata il 6 ottobre scorso, formalmente ancora tacciono il Presidente del Consiglio regionale Antonio Mastrovincenzo ed i Presidenti delle Commissioni Sanità e Ambiente, Fabrizio Volpini e Andrea Biancani.

A proposito della NOTA DI EPIDEMIOLOGIA DESCRITTIVA, la Regione Marche e il Sindaco di Falconara Marittima si sono dimenticati di inviarla?

Lessero il parere negativo del Ministero della Salute che bloccò la Conferenza dei Servizi a cui dovevano partecipare?

Non si avvidero che tra la documentazione che indusse il Ministero della Salute ad intervenire mancava la NOTA sui ricoveri ospedalieri dal 2004 al 2009?

E’ un comportamento che ci rimane oscuro, questo della Regione Marche e del Comune di Falconara Marittima, soprattutto se si legge anche che sia l’Assessore Sciapichetti sia il Sindaco Brandoni hanno dichiarato all’unisono di non ricordare la lettera del Ministero della Salute!

Staff comunicazione l’Ondaverde e Comitati - Falconara Marittima

L’Ondaverde invia al Ministero dell’Ambiente e al Ministero della Salute l’analisi dell’acqua di un pozzo privato di Villanova in cui è stato trovato MANGANESE, un metallo pesante rilevato in ECCESSO dall’ARPA Marche anche nell’acqua di falda del SIN di Falconara M. Chiesto il censimento dei pozzi privati nel raggio di almeno 100 metri dall’area del Sito inquinato di Interesse Nazionale (SIN) e l’analisi delle acque per verificare se esiste una migrazione delle stesse sostanze inquinanti riscontrate nelle acque di falda del SIN, tra cui c’è anche il TETRACLOROETILENE.

Pubblicato il 30 Novembre 2016 Nessun Commento »

L’Ondaverde ONLUS ha inviato al Ministero dell’Ambiente, al Ministero della Salute, alla Regione Marche, alla Provincia di Ancona, al Sindaco di Falconara M., al Prefetto di Ancona, all’ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e Ricerca Ambientale) e all’ARPA Marche il rapporto di prova in base al quale anche l’acqua di un pozzo privato per uso irriguo, posto in zona residenziale del quartiere Villanova adiacente al Sito inquinato di Interesse Nazionale (SIN) di Falconara M., è stata trovata contaminata da MANGANESE, un metallo pesante rilevato in ECCESSO dall’ARPA Marche anche nell’acqua di falda del SIN.

Il pozzo privato dista circa 50 metri da punto di campionamento S4 dell’ARPA Marche.

La nota inviata ai Ministeri contiene anche la richiesta di censire i pozzi privati nel raggio di almeno 100 metri dall’area del Sito inquinato di Interesse Nazionale (SIN) e di analizzarne le acque per verificare se esiste una migrazione delle stesse sostanze inquinanti riscontrate nelle acque di falda del SIN, tra cui c’è anche il TETRACLOROETILENE.

Le Associazioni dei cittadini sono molto preoccupate, poiché la direzione di deflusso della falda è rivolta verso la zona residenziale del quartiere Villanova e la rilevante presenza del MANGANESE è stata riscontrata nella zona SIN sia del sottopasso RFI di via Monti e Tognetti sia della raffineria API.

A giugno 2015 l’ARPAM aveva trovato una concentrazione di MANGANESE pari a 434 µg/litro rispetto al limite di concentrazione soglia di contaminazione (CSC) di 50 µg/litro stabilito dal D.Lgs 152/2006; nel prelievo e analisi dal pozzo privato del 29 settembre 2016 - autofinanziato da l’Ondaverde Onlus e dal Comitato quartiere Villanova - è stata riscontrata una concentrazione di 340 µg/litro, un valore superiore del 680% al limite di CSC.

Guarda i servizi giornalistici di E’TV e VERATV

https://www.youtube.com/watch?v=kPA8_u3Clwk

https://www.youtube.com/watch?v=l3JedZCB4e0




Staff comunicazione l’Ondaverde ONLUS e Comitato quartiere Villanova - Falconara M.

A Falconara Marittima i cittadini autofinanziano l’analisi dell’acqua di un pozzo privato per uso irriguo posto in zona residenziale adiacente al Sito inquinato di Interesse Nazionale (SIN). RISULTATO: l’acqua è stata trovata contaminata da MANGANESE, un metallo pesante rilevato in ECCESSO dall’ARPA Marche anche nell’acqua di falda del SIN!

Pubblicato il 17 Novembre 2016 Nessun Commento »

guarda il TG di E’TV Marche

https://www.facebook.com/etv.marche/videos/630228310520789/?autoplay_reason=all_page_organic_allowed&video_container_type=0&video_creator_product_type=0&app_id=1535744473355098&live_video_guests=0


analisi pozzo privato

analisi pozzo privato






A Falconara Marittima, nel quartiere Villanova, anche l’acqua di un pozzo privato per uso irriguo posto in zona residenziale adiacente al Sito inquinato di Interesse Nazionale (SIN) è stata trovata contaminata da MANGANESE, un metallo pesante rilevato in ECCESSO dall’ARPA Marche anche nell’acqua di falda del SIN. A giugno 2015 l’ARPAM aveva trovato una concentrazione di MANGANESE pari a 434 µg/litro rispetto al limite di concentrazione soglia di contaminazione (CSC) di 50 µg/litro stabilito dal D.Lgs 152/2006; nel prelievo dal pozzo privato del 29 settembre 2016 - autofinanziato da l’Ondaverde Onlus e dal Comitato quartiere Villanova e fatto analizzare da un laboratorio chimico accreditato - è stata riscontrata una concentrazione di 340 µg/litro, un valore superiore del 680% al limite di CSC.

L’11 maggio 2016, nel corso di un’audizione svolta al cospetto delle commissioni Ambiente e Salute della Regione Marche, i Comitati MALARIA, Villanova, Fiumesino ed Ondaverde Onlus hanno rivolto - fra le altre - anche la richiesta di ”segnalare al Ministero dell’Ambiente la necessità di indagare se l’inquinamento dell’area pubblica del quartiere di Villanova abbia interessato le confinanti aree residenziali“.  La decisione di far effettuare l’analisi del pozzo privato in proprio è stata determinata dalla mancanza di riscontro - a tutt’oggi - a quella richiesta e dalla considerazione che le tempistiche concordate per una nuova convocazione in Regione si stanno inspiegabilmente protraendo. Invieremo i risultati delle analisi direttamente al Ministero dell’Ambiente, con la richiesta di ripeterle ed estenderle al cancerogeno TETRACLOROETILENE che è risultato copiosamente presente nelle acque di falda dell’area SIN contaminata.

La direzione di deflusso dell’acqua di falda punta decisamente dalla zona contaminata SIN verso l’area residenziale del quartiere Villanova e c’è da indagare immediatamente su quanto si siano diffusi MANGANESE e TETRACLOROETILENE dato che la profondità del pozzo privato in cui è stato fatto il prelievo il 29 settembre scorso è di ~1,5 m. mentre la profondità di campionamento eseguito dall’ARPA Marche a giugno 2015 è superiore ai 6 metri.

La direzione di deflusso dell’acqua di falda sembra sempre più indicare un trasporto di inquinanti da aree differenti dello stesso SIN poste a monte del quartiere Villanova: dal sottopasso ferroviario di proprietà di RFI Spa verso l’area pubblica del quartiere ed ora, almeno per il MANGANESE, anche verso le abitazioni.

L’Ondaverde ha interpellato anche un geologo che ha escluso che il livello di MANGANESE riscontrato possa essere riconducibile alla natura del terreno in quanto la morfologia della zona ne esclude la presenza naturale. Pertanto le indagini dovranno accertare l’esistenza di una sorgente puntiforme dell’inquinante, probabilmente ancora attiva.

Guarda le seguenti immagini che aiutano a contestualizzare:






perimetrazione SIN Falconara

perimetrazione SIN Falconara


























dettagli

dettagli











la contaminazione da MANGANESE nel SIN - in verde il pozzo privato

la contaminazione da MANGANESE nel SIN - in verde il pozzo privato






Staff comunicazione l’Ondaverde Onlus e Comitato quartiere Villanova